Africa > L'Oceano Indiano a remi

L’Oceano Indiano a remi

Se per voi è già faticosa la passeggiata in pattino davanti allo stabilimento balneare, pensate cosa deve essere remare per 5.800 km in un oceano.

Rotta Australia Reunion
Rotta Australia Reunion – © Google Maps

Ed è proprio la cosa che intendono fare due francesi residenti da anni nell’isola della Reunion.
Sophie Bernier, 42 anni infermiera e Fanch Landron, 45 anni medico, non sono nuovi a questo tipo di avventure sportive. La coppia ha al suo attivo due traversate a remi La Réunion – Madagascar e ha completato la Marathon des Sables nel 2023. Questa volta, con partenza prevista nel prossimo maggio, hanno intenzione di partire da Exmouth, in Australia, per arrivare, senza scali ed in perfetta autonomia, all’isola della Reunion, 5.800km appunto.

Il progetto va oltre l’impresa sportiva e avventurosa e vorrebbe diventare anche un mezzo per stimolare la curiosità e la conoscenza dell’ambiente marino, specie nei bambini.

La coppia sarà, inoltre, impegnata in un progetto scientifico, rilevando lungo la rotta sia gli incontri con i vari animali marini sia la presenza di rifiuti plastici, il tutto sotto la guida della Biologa Marina Margot Thibault che da anni studia la distribuzione dei residui di plastica nell’Oceano Indiano.

Durante la traversata saranno regolarmente condivisi foto e brevi video mentre la loro posizione sarà aggiornata automaticamente sul sito Indien à la rame. Alla fine della traversata sarà realizzato un documentario che verrà proiettato nei festival di viaggio e di avventure.

L’impresa, ovviamente, è molto costosa ed è stata finanziata per l’80% da Sophie e Fanch che per raccogliere il restante 20%, hanno realizzato una campagna di raccolta fondi da destinare principalmente per la ristrutturazione della barca, con l’installazione di attrezzature elettroniche e di sicurezza e per 120 giorni di cibo liofilizzato necessario per la traversata.

Chi vuole può contribuire con una donazione da 20€ fino a 2000€ ricevendo in cambio un regalo che va dal nome inserito nei titoli di coda del documentario, per le donazioni minori, ad autoadesivi dell’impresa, a braccialetti ricordo, fino ai remi utilizzati durante la traversata per le donazioni più alte (che sono quasi esaurite!).

Per partecipare, basta cercare Indien à la rame sul sito di Helloasso.

Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2024 by Redazione

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *